• News

    Continua

  • Archivio mensile:aprile 2016

    TOSI EMILIO, Diritto privato dell’informatica e di internet: i beni, i contratti, le responsabilità, Giuffrè, Milano, 2006

    "

    Abstract

    Il volume offre un’aggiornata ricostruzione organica della complessa ed articolata normativa inerente la regolamentazione del fenomeno tecnologico informatico e telematico in ambito privatistico.

    La trattazione tiene conto delle più recenti novità normative in materia di: firme elettroniche e firma digitale (Codice dell’Amministrazione Digitale – D.Lgs. 82/2005 come modificato dal D.Lgs. 159/2006); nomi a dominio (Codice della Proprietà industriale – D.Lgs. 30/2005); contratti con i consumatori (Codice del Consumo – D.Lgs. 206/2005); tutela dei dati personali, controllo dei dati telematici per finalità di prevenzione dei reati e data retention (Codice dei dati personali – D.Lgs. 196/2003 come modificato dalla normativa antiterrorismo di cui alla L. 155/2005).

    Il volume si articola in sei parti: Il mercato e le fonti: I beni informatici; I contratti ad oggetto informatico-telematico; I contratti a forma informatica-telematica; Le regole della contrattazione e la riservatezza; Le nuove responsabilità civili.

    Direttore collana: FRANCESCHELLI VINCENZO – EMILIO TOSI

    Collana: DIRITTO DELLE NUOVE TECNOLOGIE COLLANA DIRETTA DA VINCENZO FRANCESCHELLI – EMILIO TOSI

    LIDIANNA DEGRASSI E ORLANDO ROSELLI (a cura di), Materiali sullo stato della riforma degli studi nella Facoltà di Economia con particolare riferimento alla formazione giuridica, Edizioni Scientifiche Italiane, Napoli, 2007

    "

    Dopo i «Materiali» sulle Facoltà di Giurisprudeuza e sulle Facoltà di Scienze politiche, con la pubblicazione del presente volume dedicato alle Facoltà di Economia, si chiude la triade con la quale l’Osservatorio sulla formazione giuridica ha condotto un’indagine in ordine all’offerta formativa riguardante l’insegnamento del diritto. L’idea è stata quella di saggiare in maniera sistematica quale e quanta formazione giuridica venisse riservata, oltre che a Giurisprudenza, anche a Facoltà diverse da questa. Per di più, non essendo mai stata svolta una ricerca sulle materie giuridiche insegnate nelle Facoltà di Economia, il volume risulta particolarmente interessante per i risultati raggiunti e può rappresentare un modello estendibile ad altri raggruppamenti disciplinari di tali Facoltà nonché di ogni altra Facoltà. Nel volume sono riportate le significative esperienze di insegnamento del diritto da parte di alcuni docenti di ruolo di materie giuridiche nelle Facoltà di Economia ed i risultati di un’approfondita ricerca quantitativa sulle scelte delle medesime Facoltà nei confronti degli ambiti disciplinari dell’area giuridica relativa alle attività formative di base e caratterizzanti, nonché ai settori scientifico_disciplinari, ivi compresa la docenza a questa afferente.

    I CURATORI

    Lidianna Degrassi è professore associato confermato di Istituzioni di diritto pubblico presso la Facoltà di Economia dell’Università degli Studi di Milano_Bicocca. Oltre ad insegnare la materia su cui è incardinata, insegna anche Legislazione dei beni culturali e Diritto regionale del turismo. E’ autrice di monografie su argomenti chiave del diritto 1ulllico, come le forme di governo (Le relazioni al Parlamento. Verso nuove forme di collaborazione costituzionale, Milano 1993, cui è seguito il saggio La relazione del Consiglio Superiore della Magistratura al Parlamento. Il problema dell’intermediazione ministeriale, in Riv. trim. dir. pubbl. . 1997, 2) e le forme di Stato (La razionalizzazione dello Stato sociale nell’ordinamento dei servizi alla persona e alla comunità, Milano 2004). E’ anche autrice di numerosi altri saggi su temi molto sensibili del governo della cosa pubblica, quali il controllo di efficienza sull’ ammmistrazioni pubbliche, il finanziamento delle politiche sociali, l’organizzazione della sanità, e su temi di grande attualità, quali il principio di sussidiarietà orizzontale negli statuti regionali di seconda generazione e la nuova competenza regionale in materia di ordinamento sportivo.

    Orlando Roselli insegna Diritto costituzionale (Stato sociale e diritti) e Diritto costituzionale (generale) presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Firenze. Oltre ad essere autore delle monografie Governo valutario, liberalizzazione ed unione monetaria europea. Profili istituzionali, Torino 1996 e La dimensione costituzionale dello sciopero. Lo sciopero come indicatore delle trasformazioni costituzionali, Torino 2005, ha scritto circa sessanta saggi ed articoli in tema di sistema delle fonti, procedimento legislativo regionale, autonomia universitaria, diritto valutano, legge quadro sul volontariato e disciplina del terzo settore, funzione consultiva del Consiglio di Stato, Presidenza del Consiglio dei Ministri, amnistia ed indulto, magistratura e riforme costituzionali, dissenting opinion dei giudici della Corte costituzionale, politiche sociali e previdenziali, didattica del diritto, diritto di sciopero, processo europeo d’integrazione monetaria, conflitto di attribuzione tra poteri dello stato, libertà e diritti costituzionali. E’ autore di Studiare a Giurisprudenza. Guida all’orientamento negli studi giuridici, Torino 2002 e curatore, per i caratteri di questa Casa editrice, del volume Europa e Banche centrali, Napoli 2004. Tra l’altro, è co_curatore, con V. Cerulli Irelli, del volume, Per una riflessione sulla didattica del diritto (con particolare riferimento al diritto pubblico). Milano 2000. In questa stessa Collana è co_curatore, con L. Pietrolata e M.M. Procaccini, di due analoghi lavori di Materiali sullo stato della riforma degli studi (con riferimento, il primo, alle Facoltà di Giurisprudenza; il secondo, a quelle di Scienze Politiche).

    ANNA MARZANATI E ANGELO MATTIONI (edds.), La fraternità come principio del diritto pubblico, Città Nuova, Roma, 2007

    "

    L’idea di fraternità, pur presente in culture anche molto diverse, non sembra che possa facilmente assumere di per sé una qualche rilevanza giuridica. Nato nell’ambito della religione giudaica, tale concetto nel venir accolto dalla religione cristiana si arricchisce dell’idea di uguaglianza di tutti gli uomini senza distinzione di razza o di appartenenza politica. Un ulteriore passo in avanti nella sua elaborazione si compie con l’affermazione delle dottrine giusnaturalistiche: queste aspirano infatti ad universalizzare la fratemità sganciandola da una qualsivoglia credenza religiosa, senza riuscire però a trasformarla in un principio giuridico.
    E proprio attorno al concetto di fraternità e alla sua elaborazione come principio giuridico che ruotano i contributi del presente volume.

    The Provision of Public Services in Europe, Edward Elgar Publishing Limited, Cheltenham, Glos GL50 2JA UK, 2010

    "

    The Local Government Role in Pre-school Child Care Policy in France, Germany, Italy and the UK
    Michael Hill, Martine Long, Anna Marzanati and Frank Bönker

    Towards Marketization and Centralization? The Changing Role of Local Government in Long-term Care in England, France, Germany and Italy
    Frank Bönker, Michael Hill and Anna Marzanati

    Edition 2010, ISBN 978 1 84844 809 4 , This book is also available as an ebook 978 1 84980 722 7

    Summary

    The book is the first of its kind to provide a comparative analysis of the provision of social and public services in France, Italy, Germany, the UK and Norway.

    This volume, co-authored by leading national experts, topically examines whether, when, how and why the delivery of social and public services, which was historically a responsibility of local authorities, has been significantly shifted to marketized and commodified forms. However, despite this considerable change, there have been recent indications of remunicipalization in some sectors. Combining both cross-country and cross-policy comparisons in a broad range of pertinent service fields, this volume fills a noticeable gap in the international literature currently available.

    Mirroring the underlying interdisciplinary approach of the book, the findings will be useful and attractive to students of law and economics as well as political science and sociology. Academic researchers and politicians on all intergovernmental levels will also find this book insightful and stimulating.

    TOSI EMILIO, Contratti informatici, telematici e virtuali. Nuove forme e procedimenti formativi, Giuffrè, Milano, 2010

    "

    Indice

    Il presente volume intende fornire un contributo allo studio dei contratti a forma e formazione informatica, telematica e virtuale, aggiornato alle più recenti novità normative in materia di firma digitale (DPCM 30 Marzo 2009) e di atto pubblico informatico (d.lgs. 2 Luglio 2010, n. 110). Il volume approfondisce i seguenti temi: contratti informatici, telematici e virtuali: innovazione tecnologica e strutture contrattuali (cap. 1); i contratti virtuali: ricostruzione della categoria (cap. 2); le forme contrattuali (cap. 3); le forme informatiche-telematiche (cap. 4); i procedimenti formativi tipici (cap. 5); i procedimenti formativi informatici-telematici (cap. 6); il tasto negoziale virtuale (cap. 7); la conclusione dei contratti telematici e virtuali (cap. 8); la tutela dei consumatori nel commercio elettronico (cap. 9).

    Direttore collana: FRANCESCHELLI VINCENZO – EMILIO TOSI

    Collana: DIRITTO DELLE NUOVE TECNOLOGIE COLLANA DIRETTA DA VINCENZO FRANCESCHELLI – EMILIO TOSI

    DEGRASSI LIDIANNA (con Raffaele Mozzanica), La disciplina dei servizi sociali nella Regione Lombardia in, G. Carabelli, & C. Facchini (a cura di), Il modello lombardo di welfare. Continuità, riassestamenti, , FrancoAngeli, Milano, 2011

    "

    Indice

    Da tempo la Regione Lombardia ha elaborato un organico modello di politiche sociali, basato sui principi di sussidarietà e di quasi-mercato, che tende sempre più ad affermarsi anche come riferimento a livello nazionale. La legge regionale n. 3 del 2008 costituisce una tappa di rilievo, in quanto disciplina unitariamente i servizi sociali e quelli servizi socio-sanitari, in un’ottica di reciproca integrazione. Al centro di questo volume, rivolto non solo a studiosi di politiche sociali ma a decisori politici, responsabili dei servizi e professionisti del sociale, anche in formazione, è l’analisi della legge, svolta con un approccio multidisciplinare, in cui si affiancano la lettura giuridica e quella sociologica. Tale analisi permette di ricostruire il modello lombardo di welfare nei suoi elementi costitutivi e nel suo contesto, e di interrogarsi sulla sua evoluzione.
    Diversi i quesiti affrontati nel volume. Quali sono gli sviluppi o i riassestamenti ipotizzabili nel momento in cui tale impostazione si confronta con l’ambito dei servizi sociali? Come si modificano ruolo della società civile e modalità del suo coinvolgimento? L’integrazione è un obiettivo effettivamente perseguibile? Cosa comporta l’estensione all’ambito dei servizi sociali dell’accreditamento e della logica prestazionistica ad esso correlata? Che ruolo può assumere il segretariato sociale nella rete dei servizi? Che impatto ha la nuova normativa sulle professioni sociali, sulla loro collocazione e sulle loro competenze? In breve quali sono gli elementi di continuità e di discontinuità, quali i punti di forza e le criticità di questo modello nella sua concreta evoluzione?

    Contributo

    Lidianna Degrassi (con Raffaele Mozzanica),La disciplina dei servizi sociali nella Regione Lombardia, pp. 59-95.

  • Lingua/language:

    • Italiano
    • English